I GIOVANI TITANI MERITANO SOLO APPLAUSI!

3 Luglio 2018
All'esordio nel Campionato Europeo U16 Division C San Marino affronta il forte Azerbaijan nella più classica versione sportiva del duello tra il topolino e l'elefante: con i suoi quasi dieci milioni di abitanti, infatti, la repubblica caucasica può contare su una popolazione 300 volte superiore a quella sammarinese. Coach Stefano Rossini sceglie come starting five: Grassi, Zafferani, Pasolini, Palmieri e Dappozzo.
Il primo canestro dell'incontro lo segna Edoardo Pasolini con un bel jumper dai 6 metri, a seguito di una finta che manda per aria il difensore.
Dopo un libero azero Palmieri infila la tripla su bel assist da penetra e scarica di Zafferani; gli risponde immediatamente Guliyev dall'altra parte, 5-4.
Ancora Palmieri trova il canestro con una penetrazione di tecnica e agilità, 7-4.
Dopo 4' di gioco Milovanovic firma il primo vantaggio per l'Azerbaijan, 7-8, ma è immediato il controsorpasso di uno scatenato Palmieri. I Titani faticano contro la fisicità degli avversari e anche quando difendono bene, quasi sempre, concedono rimbalzi d'attacco che consentono all'Azerbaijan il primo break, 9-14, a fine primo quarto.
San Marino punita dalle percentuali, 4/20 complessivo dal campo: tirare contro i giganti avversari è un'impresa.
La zona 2-3 dei biancoazzurri stoppa in avvio di seconda frazione l'attacco azero: arrivano recuperi su recuperi che Palmieri trasforma in canestri, 13-18 e partita apertissima nonostante l'evidente gap fisico tra le due squadre.
Una tripla di Pasolini, a 4' dall'intervallo, riduce ulteriormente il divario, 16-20, ma poco dopo un canestro pesante di Milovanovic dà all'Azerbaijan il massimo vantaggio, 18-25. Ancora Milovanovic, decisamente il più efficace dei suoi, imbuca la tripla del 18-28.
Ed è ancora un canestro da tre, questa volta di Akbarov allo scadere, a dare il +11 ai caucasici, dopo un bel canestro in fade-away di Pasolini. Si va al riposo sul 20-31.
Impressioni dal primo tempo: San Marino più organizzata sui due lati del campo non riesce tuttavia a trovare continuità in attacco, in grande difficoltà dal punto di vista fisico. 
Buon inizio di terzo quarto da parte dei Titani che con due liberi di Pasolini, prima, e con un bel canestro in area di Zafferani, poi, trovano il parzialino di 4-0 che li riavvicina, 24-31 dopo 2' di gioco. Avvio difensivo di grandissima intensità, che nega all'Azerbaijan la vai del canestro.
Dopo 5' tra le due squadre ci sono solo due possessi: un canestro in contropiede di Palmieri dopo palla rubata, infatti, vale il 30-35.
Un gran canestro in mezzo all'area di Zafferani porta San Marino a -4, 33-37, ma è ancora Akbarov a sfuttare i suoi 190cm per realizzare il 2+1 che dà ossigeno ai suoi, in evidente difficoltà contro la pressione difensiva biancoazzurra.
Ogni volta che San Marino arriva a contatto l'Azerbaijan si affida ad Akbarov. Sul finale di frazione, tuttavia, è ancora l'energia difensiva dei Titani a fare la differenza: prima Piscaglia ruba palla e va a segnare in contropiede il -4, 40-44, poi una grande difesa di squadra nega agli azeri il canestro nell'ultima azione del quarto.
Ancora Akbarov realizza il primo canestro dell'ultima frazione, ma Pasolini gli risponde con una tripla che fa esplodere il Multieventi, 43-46.
Il numero 11 azero rimane tuttavia un rebus irrisolvibile per la difesa sammarinese: ancora una tripla e sono 26 a 8' dalla sirena per il 43-49.
La partita adesso è in perfetto equilibrio con gli attacchi che si rispondono colpo su colpo.
Brutto colpo per San Marino: Palmieri dopo l'ennesima sospensione vincente ricade male ed esce; i Titani però non cedono allo sconforto ed anzi con Ronci trovano in contropiede il canestro del 49-51. 
Quella del play biancoazzurro è una giocata da raccontare: il numero 5 difende come un indemoniato, ruba palla e si lancia a canestro inseguito dal gigante Akbarov; Ronci sale in cielo senza paura e, nonostante il contatto, probabilmente punibile con un fischio, trova il fondo della retina, per poi ringhiare in faccia al lungo azero tutta la sua grinta.
E'un'azione che descrive bene la differenza di qualità tra le due squadre, che purtroppo però non è sufficiente a determinarne gli esiti: con Pasolini fuori per rifiatare, infatti, l'Azerbaijan trova l'allungo e tocca il +7, 49-56, a 3' dalla fine.
I Titani non ne hanno più, sono stremati per lo straordinario sforzo profuso e ai caucasici non resta che affondare il colpo.
L'Azerbaijan vince, ma San Marino esce, giustamente, tra gli applausi: l'elefante porta a casa i due punti, ma il topolino ha dimostrato di non temere nessuno.
Finale al Multieventi: San Marino-Azerbaijan 51-62.
(foto: FIBA Ciamillo)


SAN MARINO-Azerbaijan 51-62  (9-14; 11-17; 20-13; 11-18) 
San Marino: Grassi, Ronci 4, Piscaglia 3, Palmieri 22, Zafferani 4, Cardinali, Miriello, Rossi, Pasolini 16, Dappozzo, Francini 2, Muscioni. All. Rossini
Azerbaijan: Murvatov 2, Safikhanli, Milovanovic 20, Alakrabov, Chaybasarskiy, Mammadli, Akbarov 32, Bakirov 5, Mirzayev, Guliyev 3, Guseinovi-Vatani. All.Yusubov
http://www.fiba.basketball/europe/u16c/2018/game/0307/San-Marino-Azerbaijan/#|tab=boxscore
SCARICA GRATIS

Federazione Sammarinese Pallacanestro
Via Rancaglia, 22 47899 Serravalle (Repubblica di San Marino)
C.o.E. SM 02404 - Tel. +39 0549/885691 | Fax +39 0549/885692
Privacy Policy